Cohousing rurale per il Dopo di Noi

Un progetto di Cohousing Rurale per il Dopo di Noi

Stiamo progettando un Cohousing Rurale per il Dopo di Noi che nascerà tra le campagne del Centro-Italia. Noi vi raccontiamo da dove tutto ha avuto inizio, voi raccontateci la vostra esperienza e dateci la vostra opinione.

È iniziato tutto da….

Il nostro progetto vede come protagonista una famiglia con un ragazzo con autismo.

Veniamo contattati da Marisa, una donna socialmente attiva che da diverso tempo cerca di dare una risposta alla sua domanda:

Chi si prenderà cura di mio figlio quando io non potrò più farlo?

Marisa, infatti, vorrebbe dare a suo figlio la possibilità di vivere degnamente e autonomamente anche quando non le sarà più possibile provvedere personalmente alle sue cure. Allo stesso tempo però, vorrebbe trovare un’alternativa alla struttura e realizzare qualcosa che poggi le sue fondamenta sul “senso di famiglia”.

La soluzione è il Cohousing Familiare.

Cos’è un Cohousing Familiare?

Si tratta di una co-abitazione che permette di vivere al meglio la quotidianità, sviluppando competenze e autonomie necessarie per la vita di tutti i giorni, supportati dalla presenza dei propri familiari. I vantaggi del cohousing sono molteplici:

  • aiuto reciproco
  • riduzione dei problemi della vita
  • miglior organizzazione e diminuzione dello stress
  • riduzione dei costi di gestione delle attività quotidiane

Il progetto Cohousing Rurale per il Dopo di Noi

La missione di Marisa è quella di costruire un luogo di inclusione sociale di persone con disabilità e autismo.

Il desiderio di realizzare una co-abitazione sociale, legato all’amore per la natura, porta questa famiglia a voler dare vita ad un cohousing rurale, in cui i residenti possano imparare a prendersi cura non solo di loro stessi, ma anche di ciò che li circonda.

Aumentare e migliorare le proprie autonomie, le proprie capacità, anche in funzione della natura.

Il progetto, infatti, prevede che gli utenti possano vivere la propria quotidianità all’interno della co-abitazione, prendendosi cura e lavorando per provvedere al proprio sostentamento anche a livello finanziario.

Infatti, l’ampio spazio naturale che circonda la casa, permette di realizzare una mini fattoria, in cui saranno presenti animali da curare e da cui poter ricavare prodotti utili non solo per uso privato, ma anche per la produzione di prodotti alimentari destinati alla vendita esterna.

Quest’ultima, potrà essere incrementata anche dalla raccolta di prodotti da orto che i ragazzi cureranno ogni giorno, e da prodotti da forno fatti in casa.

L’uso terapeutico degli animali

L’uso terapeutico degli animali legato alle loro necessarie cure igieniche quotidiane, il prendersi cura dell’orto e dei suoi prodotti, imparare a vivere con persone diverse dai propri familiari, potrebbero rivelarsi importanti per abilitare e accrescere le autonomie e migliorare le competenze e i comportamenti di persone con disabilità e autismo.

 

Foto di Christian Heitz da Pexels

Vuoi avere maggiori informazioni sui cohousing
che stiamo progettando?

 

 

Contattaci

Chiama